Da Umami un menu ispirato a Quasimodo

sdr

In via Marchesa Tedeschi n. 15 a Modica, proprio dove inizia una delle scalinate che portano al Museo Casa natale Salvatore Quasimodo, c’è il ristorante italiano Umami.

Si tratta di un locale elegante, ricavato all’interno di una grotta, gestito dallo chef Graziano Barone che ha deciso di dedicare un menu a Salvatore Quasimodo.

Marinella Ruffino, Danilo Ruocco, Graziano Barone, Alessandro Quasimodo, Maria Antonella Cilia

Il menu è stato approvato da Alessandro Quasimodo che, durante la sua recente permanenza a Modica, ha potuto degustare le portate facenti parte della proposta culinaria realizzata da chef Barone.

Graziano Barone, classe 1990, inizia la sua attività nel mondo della ristorazione a soli 16 anni e, dopo varie esperienze professionali tra la Sicilia e il Trentino-Alto Adige, a 28 anni apre a Modica Umami, locale nel quale unisce la cucina nazionale a quella orientale rivisitandole entrambe e creando piatti raffinati e dal sapore delicato e unico.

Il gustoso menu pensato da chef Barone è un’opportunità in più, per quanti amano l’opera di Quasimodo, di restare idealmente in contatto con il poeta siciliano.

Danilo Ruocco è nato a Bergamo nel 1969. Laureato in Lettere Moderne è iscritto all'Ordine dei Giornalisti nell'Elenco dei Pubblicisti. Scrive online di cultura, di spettacolo e di comunicazione.

Lascia un commento